Solo Arte

Avatar


dal web, tutto sull'arte

per dare maggior voce all'arte e non dare spazio alla noia nei giorni difficili.

utilizzando tutte le notizie che internet ci fornisce, raggruppandole in un unico spazio per poterle sfogliare come su di un libro


Link d'interesse

News Musei Artisti ieri Artisti oggi Link Arte Arte in scena

I video arte

I Musei Vaticani Michelangelo Leonardo Raffaello Giotto La Cappella Sistina Il museo Pilotta a Parma



Il Museo di Santa Giulia a Brescia
dal sito web: ansa.it

A Brescia riapre il museo di Santa Giulia


BRESCIA - Riaprono i musei di Brescia, o per lo meno da giovedì 21 maggio riaprono quelli che possono farlo in sicurezza: Santa Giulia e la Pinacoteca Tosio Martinengo, seppure con orari ridotti e numero di visitatori contingentato al massimo. Prima dell'apertura a Santa Giulia, a porte chiuse ma in diretta su Teletutto e sui canali social della fondazione Brescia Musei alle 18, si terrà un concerto tributo per le vittime del Covid.
Poi inizieranno le visite (gratuite ma con prenotazione obbligatoria) alle 18, 18.45, 19.30, 20.15 accompagnati dal personale del museo, con un numero massimo di 15 visitatori a turno. Stessi orari per la Pinacoteca. E lo stesso per il giorno seguente. Da sabato poi i biglietti saranno a pagamento (con prenotazione consigliata) e i due musei saranno aperti anche se con orario ridotto: giovedì e venerdì dalle ore 18 alle 22, partenza dell'ultima visita alle ore 20.15, e sabato, domenica e festivi dalle ore 10 alle 21.30, partenza ultima visita alle ore 19.45. Per prenotare si può telefonare al CUP (martedì, mercoledì e giovedì dalle ore 10 alle ore 16, telefono 030 2977833/34) o scrivere alla mail santagiulia@bresciamusei.com, o ancora utilizzare il sito della Fondazione www.bresciamusei.com... continua a leggere


Antonio Tagliaferri, Santa Maria del Carmine a Brescia con cupola di fantasia, acquarello su carta, Brescia, collezione privata
dal sito web: artebresciana

La cupola che non c'è


La chiesa di Santa Maria del Carmine a Brescia non ha la cupola. Partiamo da questo assunto. La chiesa, nelle forme che oggi conosciamo, viene costruita a partire dal 1429 e sostanzialmente terminata a ridosso del 1500, in un lungo cantiere condotto a più riprese che non ha mai previsto una struttura del genere. A Santa Maria del Carmine, pertanto, non è mai esistita alcuna cupola, né ovviamente se ne riscontra una al giorno d'oggi, come si può vedere nella fotografia precedente, scattata dalle pendici del colle Cidneo. Ciò assodato, è curioso constatare la presenza di una cupola in un dipinto ottocentesco abbastanza noto nell'immaginario bresciano comune. Il quadro, che riporto di seguito, è un acquarello su carta di Antonio Tagliaferri (1835-1909), conservato in collezione privata bresciana. Alle spalle della facciata, dietro i pinnacoli in cotto, si vede chiaramente emergere una cupola strutturata alla maniera tipicamente bresciana o comunque lombarda, con un tamburo circolare finestrato e un tetto conoidale che converge in una lanterna. La finestra a bifora e la fascia di archetti gotici in cotto suggeriscono una presunta datazione della struttura coeva al resto della chiesa.... continua a leggere


dal sito web: ilsole24ore.com

Così la pandemia ha trasformato la fruizione di arte e cultura. E dopo?


scritto da Econopoly il 24 Aprile 2020

Le disposizioni per arginare il diffondersi della malattia da coronavirus hanno ridisegnato la quotidianità di milioni di persone in poche settimane e il ruolo della tecnologia per migliorare la qualità delle giornate trascorse tra le mura domestiche appare senza dubbio fondamentale e dominante. La rivoluzione digitale di cui tutti beneficiamo ci permette in questo periodo di tenerci in contatto con familiari e amici, partecipare a conferenze di lavoro, seguire corsi per tenersi in forma, ordinare la spesa online e ampliare gli orizzonti in senso lato. Seppure non si possano programmare viaggi fisici, ci viene offerta la possibilità di goderci meravigliosi viaggi virtuali all’insegna dell’arte e della cultura, partendo dall’assunto che “La bellezza salverà il mondo”... continua a leggere


Venezia 1528
dal sito web: timemagazine.press/

Venezia nel 1576 privilegiò gli interessi economici alle misure sanitarie … e fu pandemia


Dopo la battaglia di Lepanto (1571), la Repubblica era consapevole che gli alleati della Lega Santa non avrebbero mai consentito che raccogliesse i frutti della vittoria, in particolare Filippo II di Spagna mirava a indebolire la sua supremazia nell’Adriatico. Ogni ulteriore indugio stava favorendo la riorganizzazione della forza navale turca, perciò, nel 1573, Venezia firmò una pace separata con il sultano, rinunciando a Cipro e al Castello di Sopotò, sulla costa Albanese, purché fossero ripristinati i suoi domini in Dalmazia, si impegnò, inoltre, a versare 100.000 ducati l’anno per tre anni in cambio del libero commercio e del riconoscimento della sua sovranità sull’Adriatico da parte delle navi turche che vi sarebbero entrate disarmate sotto la protezione della Serenissima. Questa operazione le meritò l’epiteto di “concubina” del Turco, in realtà la Repubblica piuttosto che mantenere i territori conquistati con alti costi umani e finanziari aveva privilegiato accordi politicico-economici che le avrebbero consentito il controllo delle rotte commerciali e la crescita economica... continua a leggere


Pierfrancesco Mazzucchelli detto “il Morazzone” (1609-1616)
dal sito web: www.sacromontedivarallo.com/

Le 45 cappelle del Sacro Monte di Varallo.


Cappella XXXIII. Si tratta di una delle cappelle più ammirate di tutto il complesso. La cappella dell’ “Ecce Homo” costituisce l’esempio più nobile dell’alta qualità produttiva che andava sviluppandosi nel cantiere del XVII secolo, periodo nel quale si stava perfezionando compiutamente l’opera didattica e spirituale del Sacro Monte. Il periodo barocco darà felicemente modo a Giovanni Testori, noto “poeta” del Sacro Monte, di indicare come esso si configuri come un vero e proprio “Gran Teatro Montano .... continua a leggere


Caravaggio - coronazione di spine
dal sito web: www.glistatigenerali.com/

Stomer, ultima fiammata nordica del caravaggismo.

di Andrea Dusio

08/04/2020
Nel provare a tracciare la fortuna post-caravaggesca dell’iconografia dell’ “Ecce Homo”, sino alla frequenza con cui due pittori genovesi, Gioacchino Assereto e Orazio De Ferrari, tornano su questo tema in maniera quasi ossessiva, abbiamo citato en passant una composizione controversa, documentata in più versioni tutte molto simili e qualitativamente di livello mediocre, in Sicilia ma anche ad Arenzano in Liguria, dov’è presente la redazione in cui alcuni storici dell’arte, tra cui Gianni Papi, continuano a voler vedere un autografo del Caravaggio. .... continua a leggere


Opere d'arte recuperate dai carabinieri
dal sito web: www.arte.it/

Furti, frodi e cataclismi: I documentari in TV sull'arte in pericolo.

di Eleonora Zamparutti

07/04/2020
Nei prossimi giorni, le proposte dei canali tv tematici dedicati all’arte tornano su temi di grande attualità, come l’emergenza e la salvaguardia del patrimonio artistico mondiale.
• “Klimt e il Terzo Reich” per la serie “Il Mistero dei Capolavori Perduti” su Sky Arte in streaming, giovedì 9 aprile alle ore 16.00 e in replica alle ore 22.15. Tra il 1901 e il 1907 Gustav Klimt dipinge una serie di tele che gli furono commissionate dall’Università di Vienna.... continua a leggere


Caravaggio - la cena di Emmaus
dal sito web: www.glistatigenerali.com/topic/arte/

Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio ma nato a Milano.

di Andrea Dusio

17/03/2020
Santo Stefano in Brolo non è solo il luogo dove andare ad ascoltare concerti ricercati di musica antica: è qui che è stata fatta, in maniera del tutto casuale, la più importante scoperta documentale in merito alle vicende biografiche di Michelangelo Merisi, conosciuto come il Caravaggio, e dunque ritenuto a lungo non solo originario ma anche nativo della cittadina della bassa bergamasca, celebre ai suoi tempi per un poderoso santuario mariano edificato nella seconda parte del Cinquecento. Le fonti storiografiche che possediamo intorno alla vita di questo pittore, sono successive alla sua morte... continua a leggere


Vam Gogh trafugato
dal sito web: www.ilfattoquotidiano.it

Quadro di Van Gogh rubato nella notte da un museo in Olanda: vale fino a 6 milioni di euro, shock nel mondo dell’arte.

31/03/2020
La pandemia non ferma i ladri di opere d’arte che hanno approfittato della chiusura per l’emergenza coronavirus del museo Singer Land, in Olanda, per trafugare nella notte il dipinto ‘Giardino della canonica a Nuenen in primavera‘, opera di Vincent Van Gogh. Il mondo dell’arte è scioccato. Il furto – stando a quanto riferiscono i media olandesi – si è verificato alle 3.15 del mattino. Una porta a vetri del museo, nel centro del paese, è stata sfondata, ma gli agenti sono intervenuti solo dopo che l’allarme antifurto è scattato. Ed una volta giunti sul posto non hanno potuto far altro che constatare il furto. Un regalo di compleanno amaro per Van Gogh nato proprio il 30 marzo, del lontano 1853... continua a leggere


Raffaelllo
dal sito web: www.arte.it

Raffaello alle Scuderie dietro le quinte della mostra invisibile.

Piero Muscarà
22/03/2020
Le Scuderie del Quirinale pubblicano un video per raccontare il dietro le quinte della mostra Raffaello 1520 - 1483. La mostra che è stata aperta al pubblico, con accessi contingentati solo per una settimana a causa dell'emergenza sanitaria in Italia per il coronavirus, rimane in attesa di .....continua a leggere


Il Cenacolo
dal sito web: www.artemagazine.it

Il cenacolo vinciano: un video racconta gli interventi dei tecnici.

Maria Grazia Filippi
23/03/2020
Le immagini illustrano i lavori ora in corso a Santa Maria delle Grazie, e in particolare le indagini diagnostiche con tecnica a luce radente sui due dipinti presenti nell’ambiente: l'Ultima Cena di Leonardo da Vinci e la Crocefissione di Donato Montorfano .....continua a leggere

Tutto il materiale presente sul sito è riportato da siti web o da YouTube, a cui corrisponde sempre il link originario.

Forest

Van Gogh trafugato.
Fondazione Musei Brescia.


elenco delle maggiori testate online
dedicate all'arte.


ogni giorno immagini da un artista
del passato.


facci sapere se ti piace